Laurea magistrale a Milano statale

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda winston.smith il mer 13 set 2017, 20:39

Vi ringrazio per i numerosi contributi!

beltzer ha scritto:Effettivamente il primo anno a Milano è abbastanza duro, ma tutti quelli che conosco sono sopravvissuti incolumi quindi...

Mi sembra di capire che tu abbia frequentato l'Algant a Milano. Conosci qualcuno, o anche tu in prima persona, che ha seguito i corsi dopo aver fatto la triennale in un'altra università? In caso, è riuscito a completare gli studi? Ha affrontato il colloquio di ammissione?

Scusate se continuo a fare domande, ma sono un tipo parecchio dubbioso. Terminata una magistrale ad indirizzo algebrico, lo sbocco naturale è la ricerca, però se ne avessi la necessità avrei qualche possibilità di entrare nel mondo del lavoro? O incontrerei numerose difficoltà?
winston.smith
 
Messaggi: 5
Iscritto il: gio 7 set 2017, 9:00

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda beltzer il mer 13 set 2017, 21:35

winston.smith ha scritto:Vi ringrazio per i numerosi contributi!

Mi sembra di capire che tu abbia frequentato l'Algant a Milano. Conosci qualcuno, o anche tu in prima persona, che ha seguito i corsi dopo aver fatto la triennale in un'altra università? In caso, è riuscito a completare gli studi? Ha affrontato il colloquio di ammissione?

Non ho fatto Algant perchè non sono in grado di gestire le scadenze burocratiche :P, però ho seguito praticamente tutti i corsi con loro (tranne algebra lineare numerica :P ). Per le prime due domande, si certamente (anche se più di metà erano milanesi). Tutti, o almeno il 90%, hanno passato l'anno. L'unico vero ostacolo è il magnifico corso di algebra commutativa. L'esame è fatto alla francese con esercizi non stardard e piuttosto ardui. Anche gli homework sono duri. Però sono generosi nei voti e se non al primo al appello, al secondo o al terzo tutti lo passano. La cosa veramente buona è che si acquista un background di algebra commutativa veramente solido (che tendenzialmente manca a molti studenti (anche dottorandi)) che poi permette di accedere più rapidamente e con meno fatica a cose più astruse. Per il colloquio non so esattamente, ma credo sia veramente una formalità in cui ti chiedono dove ti piacerebbe andare e cose così.

winston.smith ha scritto:Terminata una magistrale ad indirizzo algebrico, lo sbocco naturale è la ricerca, però se ne avessi la necessità avrei qualche possibilità di entrare nel mondo del lavoro? O incontrerei numerose difficoltà?


Onestamente non ne ho idea.
beltzer
 
Messaggi: 53
Iscritto il: mar 20 mag 2014, 9:39

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda maurer il gio 14 set 2017, 10:40

Io ho fatto la triennale a Torino, poi Algant Milano-Parigi XI.

Non mi ricordo di aver fatto nessun colloquio a sfondo matematico, però ormai sono passati 4 anni da quando ho finito il master. I corsi a Milano sono impegnativi ma niente di insuperabile. Parigi XI è un'altra storia (diciamo comunque che la cosa più difficile è trovare un relatore disposto a prenderti in tesi di dottorato).

Conosco persone che hanno avuto difficoltà a superare l'anno a Milano, ma in tutta onestà sono una minoranza.

Concordo sul fatto che fare Algant senza mobilità è un po' uno spreco, specie se vuoi procedere in direzione ricerca.

Infine, conosco anche gente che ha fatto l'Algant e poi ha abbandonato la strada della ricerca. Al meglio della mia conoscenza sono tutti riusciti a trovare impiego, anche se non necessariamente in Italia.
Je n'ai jamais compris qu'on se rassasiât d'un être...
maurer
 
Messaggi: 1040
Iscritto il: mar 28 lug 2009, 12:14
Località: A metà strada per il Paradiso...!

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda hydro il gio 14 set 2017, 10:45

winston.smith ha scritto:Terminata una magistrale ad indirizzo algebrico, lo sbocco naturale è la ricerca, però se ne avessi la necessità avrei qualche possibilità di entrare nel mondo del lavoro? O incontrerei numerose difficoltà?


Direi che non farebbe nessuna differenza, soprattutto per i lavori "standard" (compagnie di consulenza/consulenza informatica, eni etc...). La maggior parte delle aziende e' interessata solo al fatto che tu abbia una laurea (o un dottorato, il che e' meglio all'estero ma peggio in italia) in matematica. Forse se punti ad un lavoro particolare, come la ricerca per certe grandi aziende tipo boeing, nasa o questo genere di cose e' preferibile avere un curriculum un po' diverso, ma credo che a livello di laurea magistrale non ci sia comunque nessuna differenza.
hydro
 
Messaggi: 435
Iscritto il: mer 1 apr 2009, 9:40

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda winston.smith il lun 18 set 2017, 12:01

Vi ringrazio davvero tantissimo per i preziosi consigli! Ho deciso che frequenterò i corsi del primo semestre dell'algant a Milano, sperando di riuscire a sfangarla :rolleyes: Avete qualche raccomandazione circa i corsi imperdibili o preferibilmente evitabili?
winston.smith
 
Messaggi: 5
Iscritto il: gio 7 set 2017, 9:00

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda maurer il lun 18 set 2017, 21:52

Imperdibili: tutti quelli di Barbieri-Viale, Andreatta, Van-Geemen e Paolo Stellari. Anche il corso di Lanteri (se c'è ancora) è molto bello.
Je n'ai jamais compris qu'on se rassasiât d'un être...
maurer
 
Messaggi: 1040
Iscritto il: mar 28 lug 2009, 12:14
Località: A metà strada per il Paradiso...!

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda Feanor il lun 18 set 2017, 23:15

Dipende un po' da cosa davvero ti piace e vuoi fare, ma se scegli un profilo ALGANT sottoscrivo con sangue e fuoco quanto detto da maurer.
Feanor
 
Messaggi: 738
Iscritto il: lun 29 set 2008, 20:58

Re: Laurea magistrale a Milano statale

Messaggioda killing_buddha il mar 19 set 2017, 9:53

Questi esercizi sono pensati per farti affrontare il corso di CT fatto dalla Sandrona nazionale con la stessa puntigliosità di quello di algebra commutativa. Divèrtitici. :bye:
- Se incontri il Buddha uccidilo. Devi vivere libero da ogni dogma: se non riesci a uccidere Buddha, come ucciderai il tuo pregiudizio?
- "Peu d'abstraction on éloigne de la géometrie; beaucoup on y ramène"
Avatar utente
killing_buddha
 
Messaggi: 2749
Iscritto il: gio 17 lug 2008, 19:51

Precedente

Torna a Orientamento per l'università

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti