Singolarità

Relatività Ristretta, Relatività Generale e Cosmologia

Singolarità

Messaggioda leonard il ven 20 ago 2010, 18:44

Vorrei sollevare un quesito sui cosidetti teoremi sulle singolarità;questi teoremi dimostrati da Hawking e da Penrose dimostrano che, se valgono determinate condizioni, devono formarsi singolarità in uno spaziotempo. Esse sono: condizioni energetiche (debole,forte e generica) tutte basate sui deflussi energetici del tensore-energia quantità di moto T_a_b;condizioni sulla struttura globale ossia che l'universo sia fisicamente accettabile, vale a dire non violi la causalità con curve chiuse di genere tempo e infine che ci sia la gravità abbastanza forte da intrappolare una regione della stella collassante tale da formare, una superfice intrappolata. E' quest'ultima un'ipersuperfice di tipo spazio compatta in cui le geodetiche nulle (di tipo luce) uscenti e dirette verso il futuro rimangono all'interno della superfice stessa. Quello che vorrei capire esattamente, riguarda le soluzioni all'equazioni di Einstein con metriche che violino la causalità eppure generano una singolatità ;prendiamo un tipico esempio di buco nero si suppone molto verosimile alla realta, la soluzione di Kerr scarica ossia un corpo rotante in collasso; ebbene in questa soluzione sono ammesse curve chiuse di tipo tempo, ma tali eventi si verificano certamente anche nella metrica dell'universo durante il periodo inflazionario cioè l'universo di De Sitter che è un iperboloide lorentziano ds^2=d\tau^2-exp^A^\tau(dx^2+dy^2+dz^2) dove A è una costante, ed è generalmente considerato non accettabile.Come si concilia questo fatto? La metrica di Kerr se non erro è espressa in coordinate sferiche, forse la singolarità e pertinente solo per una trasformazione di coordinate o mi sfugge qualcosa?
leonard
 
Messaggi: 110
Iscritto il: mar 17 nov 2009, 19:15

Torna a Meccanica relativistica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron