L'unica qui a non essere esperta di mate

Messaggioda rrronny il lun 24 set 2012, 0:34

Secondo me la bambina scrive cifre più o meno vicine, immagino in modo piuttosto disordinato, senza che questo significhi che per esempio le cifre consecutive 1-0-2-9-3 rappresentino (per la bambina) proprio il numero 10293. Penso che anche i concetti spaziali di sopra-sotto vadano interpretati tenendo conto del disturbo psicologico. A quanto pare si tratta di qualcosa di legato strettamente col disturbo della Dislessia Evolutiva (v. qui, fine seconda pagina): sembra che la bambina tratti i numeri come le lettere che legge (o i suoni che ascolta), eseguendo delle associazioni che a lei sembrano avere una logica o, più correttamente, diciamo che ne percepisce un senso o utilità e ciò le dà una certa soddisfazione, magari l'aiuta a memorizzare più facilmente un brano musicale o un testo.
In parole povere, credo che una risposta la può trovare più in uno psicologo che in un matematico.
"Realtà virtuale", "social network", "realtà aumentata"? Io parlerei di "solitudine aumentata", quella che percepisci anche stando in mezzo agli altri, e che occorre della tecnologia per appianarla.
Avatar utente
rrronny
 
Messaggi: 731
Iscritto il: mer 17 giu 2009, 20:51
Località: Pisa

Messaggioda MammaB il lun 24 set 2012, 12:01

rrronny ha scritto:Secondo me la bambina scrive cifre più o meno vicine, immagino in modo piuttosto disordinato

...come scrive le sequenze l'ho già trascritto nei post precedenti.

Penso che anche i concetti spaziali di sopra-sotto vadano interpretati tenendo conto del disturbo psicologico.
La dislessia come da articolo da lei inserito non è un disturbo psicologico, ma se non gestito nei termini appropriati può provocare certamente un "disagio" psicologico.

In parole povere, credo che una risposta la può trovare più in uno psicologo che in un matematico.

Lo psicologo proprio con il quale noi genitori ci rapportiamo per il dsa come supporto a ns figlia sostiene di lasciarla stare dato che lo fa in estrema serenità, è un suo lavoro: come dice mia figlia quando intendo buttare via uno dei tanti foglietti "non buttarlo, devo finire di lavorarci". Cque credo di non arrivare mai a capire a fondo, può anche darsi che mi preoccupi inutilmente (anche se qualche domanda me la faccio). La risposta forse arriverà tra qualche anno, quando lei sarà più grande. Saluti.
MammaB
 
Messaggi: 12
Iscritto il: sab 22 set 2012, 19:02

Messaggioda rrronny il lun 24 set 2012, 21:15

Dunque, secondo l'OMS la dislessia fa parte dei DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento), quindi ipso facto è considerabile come un disturbo. Che poi non faccia piacere chiamarlo "disturbo", posso anche capirlo. Se lo desidera, può mandarmi delle scansioni digitali degli appunti che prende la sua figliola; la mia email è roberto.lepera@gmail.com.
"Realtà virtuale", "social network", "realtà aumentata"? Io parlerei di "solitudine aumentata", quella che percepisci anche stando in mezzo agli altri, e che occorre della tecnologia per appianarla.
Avatar utente
rrronny
 
Messaggi: 731
Iscritto il: mer 17 giu 2009, 20:51
Località: Pisa

Messaggioda MammaB il mar 25 set 2012, 8:23

Guardi, come dice appunto l'OMS e l' Ass. Italiana Dislessia, la dislessia, così come la disgrafia e discalculia, è un DSA, certamente: "disturbo" specifico dell'apprendimento e non un "disturbo psicologico" come invece lo ha chiamato lei nel suo primo post (questo è quello che intendevo correggere). Per rilasciare una diagnosi di un DSA, deve essere stato escluso qualunque tipo di handicap mentale, deficit dell'apprendimento, ritardo cognitivo etc. Quindi per corretta informazione e non perché io abbia problemi a chiamarlo con il suo nome la dislessia è ripeto un disturbo neurobiologico e non psicologico. La ringrazio per la disponibilità a visionare gli appunti di mia figlia. Credo che le invierò 3 o 4 esempi.
MammaB
 
Messaggi: 12
Iscritto il: sab 22 set 2012, 19:02

Precedente

Torna a Presentazioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti